Blog

Boxe Parma 28 febbraio...

In qualità di fotografi per parmaquotidiano.info siamo andati a coprire un importante evento di boxe a Parma venerdì 28 febbraio, in particolar modo l’incontro per il titolo dei pesi massimi leggeri tra Erittu e il campione in carica Lovaglio.

Oltre all’incontro tra questi due grandi campioni è stato offerto uno stupendo spettacolo dai match di sottoclue svolti dai pugili della Boxe Parma e Boxe Loreni, tra i quali uno scatenatissimo Roberto “Il Pirata”, Gianluca “Il toro” e Soufiene “Il predone del deserto”.

A livello fotografico è stato un mezzo inferno a causa della scarsa luce e dai continui e repentini cambiamenti di posizione, oltre che un arbitro che era matematicamente davanti all’azione nei momenti culminanti.

Per scatti del genere bisogna lavorare molto sugli Iso e impostare tempi di esposizione veloci per ghiacciare il movimento, oltre che un occhio allenato a percepire ogni minimo movimento del pugile per comprendere dove e cosa farà.

La fotografia sportiva è, un po’ come tutte le branchie della fotografia, molto complicata e necessita, anche se in possesso delle migliori attrezzature, di grande esperienza per ottenere scatti qualitativamente professionali.

Cos’è la fotografia sportiva?

Oltre alla fase di scatti c’è sempre da considerare di non coprire lo spettatore e non dar fastidio neanche agli sportivi che lottano, mescoliamo questo con la convivenza in spazi angusti e stretti con altri fotografi e trovare la propria area in cui lavorare.

Ovviamente questo non basta perché per fare una foto corretta bisogna per prima cosa stare attenti alla messa a fuoco automatica, che con il buio non va per niente d’accordo, e bisogna lavorare molto a occhio con quella manuale. Così facendo bisogna far collaborare occhio ed esperienza controllando sempre il cambiamento della messa a fuoco, esaminando ogni minima variazione dell’immagine all’interno di un piccolo mirino, controllando l’esposimetro, guardando il tempo di esposizione e il diaframma con il fine di fare una foto decente.

Tutto questo comunque non basta perché bisogna pazientemente e prontamente attendere l’azione culminante tentando di creare un’immagine esteticamente corretta e che rispetti le varie regole di composizione…e infine…arriva il fatidico momento di premere il bottone di scatto…..ed ecco fatta una fotografia!!

Questo procedimento andrà ripetuto per circa 900 volte e avrete la figura del fotografo sportivo professionista.

Molti penseranno che sia facile o che basti semplicemente schiacciare un bottone o mettere la macchina in automatico, ma in realtà ora sapete che non è così. =)

Qui sotto trovate il collegamento alla gallery con gli scatti della serata.